Collectivité Territoriale de Corse

Mostra "Mare Nostrum, les Corses et la mer" di u 2 di lugliu à u 30 di dicembre di u 2011 à u Museu di a Corsica in Corti

Mercredi 6 Juillet 2011



Mostra "Mare Nostrum, les Corses et la mer" di u 2 di lugliu à u 30 di dicembre di u 2011 à u Museu di a Corsica in Corti
Paul Giacobbi, Deputatu di u Cismonte è Presidente di u Cunsigliu esecutivu di Corsica è Dominique Bucchini, Presidente di l’Assemblea di Corsica, apreranu a mostra « Mare Nostrum, les corses et la mer » à u Museu di a Corsica, stu venderi prima di lugliu di u 2011.

In listessu tempu, u Museu di a Corsica prupone una mostra dedicata à i zitelli «  Secret d’épave »in u spaziu di ghjocu interattivu chì hà per scopu d’abbituà i zitelli à u mezu marinu.

A Cullettività Territuriale di Corsica, incù st’arnese culturale di prima trinca, valuriseghja u patrimoniu di a Corsica. 

Visità u Museu di a Corsica  

Mare Nostrum, les corses et la mer

Mostra "Mare Nostrum, les Corses et la mer" di u 2 di lugliu à u 30 di dicembre di u 2011 à u Museu di a Corsica in Corti
 « A Corsica hè una muntagna ne u mare… » sta citazione famosa di u geugraffa tedescu Friedrich Ratzel, hè aduprata spessu da prisentà a geugraffia di a Corsica. Un isula di a quale u territoriu si definisce per via di a muntagna. E publicazione è l’imagine cunsacreghjanu dapoi sempre u Corsu muntagnolu : pastore, cantadore è ancu banditu certe volte…
 
Eppuru una pupulazione ne custighjegha un’antra è i capicursini sviluppanu, dipoi parecchji anni, una vucazione maritima. Stallati nantu à sta banda di scoglii stretta, prulungamentu di a Corsica in direzzione di u Nordu, di fronte à u mare alimentadore, latore di scambii ma di periculi dinù, st’abitanti anu accunciatu un’isula nu l’isula. In u XIXimu, quasi 30% di i scritti maritimi sò cuncentrati in Capi Corsu.

Bonifaziu, Calvi, San Firenzu, Portivechju è di sicuru Bastia è Aiacciu sò i principali porti di l’isula. L’attività maritime cuncernanu sopratuttu u cumerciu è a pesca.

U « mare nostrum » di i Corsi, hè sopratuttu u mare Tirreneanu, un andatu trà a costa occidentale di l’Italia è l’isule grande di u Mediterraniu occidentale, quasi un mare internu.
Ma si pò dinù parlà di « maria nostra » a Corsica hè bagnata da parechji mari, chì currespondenu à sferente navigazione è à una cunniscenza varievule di u mezu chì permettesti à certi di tralancà u Mediterraniu è l’oceani. 

A ghjente di mare, Corsi d’origine, d’aduzzione o di passeghju sò attori di a mostra  « Mare nostrum, les Corses et la mer ». 

St’ultimi decennii, u turisimu balneariu hè diventatu u mutore di l’ecunumia di a Corsica. U sviluppu d’un liturale cumpostu da paisagii naturali rimarchevule è varii ripresenta un’imbusca maiò. Pone a questione di e scelte…

Fieri di a bellezza di l’isula, i Corsi cercanu à ammaestrà u so sviluppu. Sò arradicati à i so paesi muntagnoli ma campanu principalmente in e cità di bor’di mare. D’altre cuntradizione si ponenu per truvà un equilibriu trà a cunversazione di u liturale è l’attività turistiche.

In tutti i casi, u mare s’impone à i Corsi. Hè oghjè cum’è eri, in core à e questione economiche, suciale è culturale di l’isula. 

I)    A scuperta di l’isula
I primi populamenti umani di a Corsica sò accertati in l’ VIIIimu è pò d’esse in u IXimu millenariu nanzu à a nostr’epica. D’altri archeologhi ricollanu  ancu più luntanu.St’omi anu francatu u mare, probabilmente u canale tirreneanu, da stallà si nantu à i liti di a Corsica.

Da l’antichità, e principale pudenze maritime facenu incursioni nu l’isula. E cità d’Alalia è di Mariana scrivenu a Corsica ne a storia di u mediterraniu.

U cadimentu di l’Imperu Rumanu sviluppa nove dinamiche. Dopu à l’invasione barbaresche è saracine, l’isula passa sottu à duminazione pisana, è più durabilmente sottu à a duminazione di a Republica di Genuva. L’ingerenza di a Curona Aragunesa marcherà ugualmente a storia. Tutti st’evenimenti sferenti testimugneghjanu di l’impurtenza di a Corsica in u Mediterraniu occidentale.

In u XVIimu seculu, Catalina di Medicis paraguneghja a Corsica à un « magnificu cavaliere » trà l’Italia è a Spagna da presentà a strategia pulitica di a Francia. L’allianza cù l’Imperu Ottomanu è a storia di Sampieru Corsu rivelanu un intrecciu puliticu agitatu.

À partesi di u XVIIIimu seculu, a Francia è l’Ingliterra s’imponenu in u Mediterraniu. In Corsica, e guerre d’indipendenza è l’oppusizione franco-inglese genereghjanu un sfundamentu economicu. Ci vole aspettà u XIXimu seculu, u ritornu di a pace in u Mediterraniu è e grande trasfurmazione tennologiche per cunstattà un’evoluzione impurtente.

St’interessi  successibile per l’isule anu permessu una grande varietà di descrizzione è di carte. L’isulanu, in talianu « Isolario », hè un atlante cumpostu di descrizzione d’isule.
U « livre des îles » cunnosce un abbrivu impurtante trà u XVimu è u XVIIIimu, sopratuttu in Venezia. Ùn s’agisce micca di un libru di navigazione ma piuttostu d’un arnese di cumprendimente di u mondu, riprisentatu da pezzi di terra à mezu mare.

Parecchje carte di u litu di a Corsica di u XVIimu à u XVIIIimu seculu sò cunservati in i fondi d’archiviu di Genuva. Ste fiure sò destinate à riprisentà u sistema di difesa di una regione, un prugettu di custruzzione di torre o à signalà un ascosu per e nave.
À u XVIIIimu seculu, a cartugraffia hà tiratu prufittu di l’impegnu d’ingeniori di marina inglesi è francesi. Sò à l’origine di carte più precise di e coste di Corsica. In u prima terzu di u XIXimu, a carte di marina è i cuntorni di e coste diventanu arnesi di navigazione precisi. I porti, e cale, i periculi è fundezze sò nutificate.

Un’isula si scopra per via di u so litu : sta banda impiantata trà mare è terra, quandu ligame, quandu fruntiera…

Cù quasi 1000 chilometri di coste, a Corsica riprisente di più di menu 14% di u liturale naziunale è più di a metà di i liti francesi in u Mediterraniu.

Carte marine, fotograffie è sguardi d’artisti sò tanti mezi da scopre a Corsica è u mare…  

II) U mare è i so periculi
U mare hè un spaziu di libertà è di viaghji. A splurazione è l’aventura allettanu l’omu mudernu. Ma u mare hè sempre statu un universu misteriosu, pupulatu di criature è di mostri terrificanti.
Difficile à ammaestà, cambiante è largamente scunnisciuta, suciteghja meffianza è inquietudine. Cum’è pudia ne esse altrimente, sopratuttu per isulani, quandu chì i più grandi periculi ghjunghjenu da u mare ?

Da maladie e più benigne, cum’è u male di mare, sinu à e terribule epidemie di pesta, u mare arrega paura è sciagura. È u ramentu di razzia è di scene sanguinose marca durabilmente e populazione à a simplicia vista di u liturale.

Dapoi a caduta di Constantinople in u 1453, l’Imperu Ottomanu s’impone cum’è a principale pudenza di u Mediterraniu. Malgradu a vittoria di Lepante in u 1571, a Cristianità subisce a corsa barbaresca. E flutiglie di chebecs di Bizerte, Tunis è Alger sumenanu u spaventu. In Corsica sò parechji i paesi à esse sacchighjati sopratuttu durente i XVimu é XVIimu seculi. Una minaccia presente sinu à u principiu di u XIXimu seculu, chì hà lasciatu una stampa prufonda ne u raportu incù u mare. Ma a schiavitù non hè una cundizione definitiva, c’hè a pussibilità di ricompra è di ritornu. D’altri, per staccassi di e so catene, ricusanu a so fede è s’ingagianu cum’è rinnigati.

L’invasori ghjunghjenu sempre da u mare, basta à usservà l’architettura maritima di a Corsica da cunvincesine. E cità custiere furtificate o presidii sò ascosi per u cumerciu, ma e campagne è i paesi fermanu largamente sposte. À a fine di u XVIimu, un sistema di difesa hè definitu da prutege e populazione liturale. A cunstruzzione di e tore liturale si cuntinueghja da parecchji decenii.

A storia di Corsica ammenta parechje battaglie maritime, Alalia (545 n à . J C), Meloria (1284) è Calvi (1794) anzituttu. Rivela dinù eroe, di i quale parechji marinari :
 
- Corsi cum’è Vincentellu d’Istria (?-1434), capitanu di galere è Luce di Casabianca (1762-1798), cummandante di a nave amirale l’Oriente à a battaglia d’Aboukir. 
- Mediterranii cum’è u cursale Dragut (versu 1520 ?-1571) è l’amirale Andrea Doria (1466-1560)
- È un Inglese cum’è l’amirale Horatio Nelson (1758-1805)
 
U mare ghjè ugualmente u tonu, l’accendi è u mare smuntatu, a timpesta è e so scene d’apocalisse .
In isse stonde difficile, a salvezza ùn pò vene chè da u cele. Ex-voto è resti di nave cunservati in e chjese contanu e furtune di mare, i scampati, e nave inabissate è i smariti.

À partesi di a fine di u XVIIIimu, i registri di u cummissare maritimu contanu i naufragii nantu à e coste di Corsica. Ogni annu accidenti numarosi sò ritrattati, sò parecchji, dinù, l’abissamenti pruvucati da terribule timpeste da pruvucà a pertita da parecchje nave in qualche ore, cum’è quella di u 15 di ferraghju di u 1855 ch’incaglieghja u battellu francese  « la Semillante » nantu à i scoglii di i Lavezzi…

Di pettu à tutti sti periculi, a Corsica si gira voltu a muntagna da prutege si è cunserva una rilazione ambigua cù u so liturale.

III) L’attività maritime
St’ultimi decenii, l’archeulugia sottumaritima accerteghja l’anzianità è a diversità di i scambii in u Mediterraniu. Ancu in e stonde difficile, u cummerciu ferma indispensevule per un’isula.

I Corsi ùn sò micca stati chè vittime in i sò scambii cù l’Imperu Ottomanu. Sò ugualmente cummercianti in Alger,Tunis è sinu à Istambul. Parechji stanu da mediatori in e rilazione trà u Nordu è u Meridiunale. 

Trà u XVIimu è u XIXimu seculu, a più grande parte di a marina corsa praticheghja a custighjera in mare Tirenniu. Sta navigazione custiera hè sopratuttu attiva durente a bella stagione, da maghju à ottobre, quand’ellu hè pussibule. Sorte di stu periudu è di u paisagiu maritimu abbituale hè periculosu.

In i tempi di a marina à vele, e varietà di nave sò parecchje : schifu, tartane, faluche, gondula, brigantinu-gueletta, etc. Chjuchi o grandi sti batteli sò generalmente à fondu plattu, da navigà u longu di e coste è da pude esse alati nantu à e piaghje, è più tamberuti da traspurtà marcanzie. Sò mossi da vele, latine di sicuru, ma dinù à u terzu, à livarde, di forma auriche o quadrate è da parecchji paghji di rame per a navigazione custiera è e manuvre.

In u 1800, sola a cità di Bastia hà un fanale ch’ùn funziuneghja chè qualchi notte à l’annu. Eppoi, à partesi di u 1830, in un cuntestu economicu favurevule, parecchje infrastrutture maritime sò stallate.
Cusì in l’annate 1830, l’isula hè arnisata d’argini,         , fanali, semaffuri, etc, da ameliurà a securità.
Dapoi e prima ligne à vapore in u 1830 sinu à oghjè, i prugressi in e rilazione Corsica-Cuntinente sò impurtante. Da una trentina d’ore da principiu, ci vole menu di quattr’ore di battellu incù e nave rapide di u novanta per righjunghje a Corsica.

Da oghje a scelta di e cumpagnie maritime si porta nantu à « Ferry » di duie centu metri di longu chì ponu traspurtà sinu à 200 vitture è quasi 3000 passageri. Ste nave rispondenu à i bisogni turistichi di a stadina. 
 
À partesi di u XIXimu, u numaru di marinari cresce regularmente sinu à u 1880 è sò 8000 nantu à una populazione di 280 000 abbitanti. Dopu e quantità scambianu à l’inversu cù a fine di a marina à vele.
E cuntere di a populazione maritima di a Corsica annunzianu u numaru di 1500 omi, sia 3% di a tutalità francese in u 1792.  
 
Sò novi impieghi cum’è munitore di vela è di ciuttata, pilota è appigiunaghju di nave ch’anu rimpiazzatu i mistieri di guardianu di fanale o intempiadore di marina st’ultimi decenii.

A pesca hè un’attività anziana è impurtante di l’isula, ben ch’ella sia in diminuzione incù à pocu pressu 200 piscadori patroni, cun attività di stagione. A tennulugia s’hè sviluppata in giru à dui periudi incù l’apparizione di tennulugie nove

- Trà u 1930 è u 1960 : muturisazione, rete tramagliate, sciabicata, etc.
- Trà u 1970 è u 2000 : trogliu idrauliticu, reta sintetica, sundadore è GPS, etc.

Sò scambiate e pesche è i pesci ricircati è oghje sò pescii nobili è aligoste chì sò chjappi cù u tramaglia. Principale arnese di pesca di i crustacei, hè ingimellatu parechji ghjorni ciò chì sterpa parecchji pescii.
A prutezzione di e risorse, deve passà da scambiamenti cum’è l’aduprera torna di e nasse da fà piantà à so smarizione.
 
U turisimu pone dumande numarose liate à u liturale. Stu sviluppu ùn hè senza cunsequenze nantu à l’ambiante cum’elli sottulignaghjanu i paragoni di st’ultimi decenii.

I sport nautichi è a navigazione di piacere diventanu una vera industria incù l’assestu d’infrastrutture impurtante . St’attività permettenu una frequentazione crisciuta in a banda di i 5 miglii marini.

I Corsi scoprenu dinù u mare da campà megliu cùn ellu. 

Telecaricà u pianu di a Mostra   

“Secret d’épaves”

Mostra "Mare Nostrum, les Corses et la mer" di u 2 di lugliu à u 30 di dicembre di u 2011 à u Museu di a Corsica in Corti
In paralellu à a mostra Mare Nostrum- Les Corses et la mer, u serviziu di a mediazione culturale di u Museu di Corsica prupone una mostra dedicata à u i zitelli : « Secret d’épaves ».

Quist’annu hè prupostu un parcorsu didatticu è ghjuvevule à l’indirizzu di i zitelli chì hà per scopu di famigliarizà li cù u mezu maritimu. « Secret d’épaves » hè un locu chì dà e chjave di lettura da permette à i zitelli d’accuncià cù serenità e cullezzione patrimuniale presentate in a mostra Mare nostrum - Les Corses et la mer.

À u centru di u spaziu, un fasciame di tartana abissamata hè arinatu a mezu à i canapi chì da l’abissi si stendenu versu u lume. St’ogettu aruinatu, struttu ci cumove. Ci femu una dumanda : chì ghjè accavutu à stu battellu ?

Sì a storia d’una nave annegata cumencia sempre da un abissamentu, nanzu à l’accidente c’era un vita à bordu. L’imbusca di a mostra hè di sottumette a nave annegata à a « questione », sinu à ciò ch’ella cuntessi a so storia, qu’ella di u so equipagiu è quella di a s’ultima navigazione.

Secretu di nave annegate, un’imersione à core di sugettu…

Di a nave annegata à u battellu, una resurezzione
Tracce d’inscrizzione, piani è resti di carigamentu aiutanu à identificà u cabuttore

L’équipagiu è a vita à bordu
Raconti da marinari, sonni di u mare è urganizazione di i compiti mostranu chì a vita à bordu hè un mondu in sè.

U mare è i so periculi
U mare ùn hè un mezu naturale di l’omu, venti, scoglii è curenti u rendenu ancu certe volte ostile, sinu à l’abissamentu cum’è ne pò testimugnà u librettu di bordu di u

Secreti palisati
U zitellu accuzzulerà i sferenti elementi scuperti in u rilivatu di u scavamentu ciò chì ghjuverà à arricchisce a cunstruzzione narrativa di u batellu chì palesa u secretu di a nave annegata.

Rinaghji accoglienu audiovisivi è scornu lettura per sapè ne di più. Un attellu prupone a creazione d’ex- voto cuncipiti nantu à tennica di u pop-up.