Collectivité Territoriale de Corse

Rimessa di u premiu Andria Fazi Aiacciu, u 24 di nuvembre di u 2016 - discorsu di u Cunsiglieru Esecutivu in carica di a Lingua, Saveriu Luciani

Vendredi 25 Novembre 2016

*Seul le discours prononcé fait foi



Salute à tutti, è salute, in prima, à voi altri o zitè.

U nostru salutu d'eletti di a Corsica dinò à a memoria d'Andria Fazi.
Ricordu chì u ben' d'Andria era stu prufessore di storia geugraffia agregatu, originariu di a Pieve di Castellu, chì travagliava à u liceu Fesch, quì sottu.

Peccatu chì dipoi 4 anni, s'eranu scurdati, quelli chì ci eranu quì nanz'à noi, di rendeli st'umagiu, per ellu stessu, per voi giuventù, è per a nostra lingua ch’ellu tenia caru.
Ch'è vo sappiate dinò ch'Andria era un militante naziunalistu, elettu di st'assemblea induv'ellu serà statu forse u primu à parlacci u corsu.

Dipoi figlioli, hè corsu u tempu è sò passati l'anni.
Amichi, chì possu più dì, tamanta strada, chè o Presiden'.
Mi ricordu di u so libru, publicatu à a fine di l'annate settanta, "u corsu in liceu". Dipoi, s'elle sò nate tante è tante scole bislingue, ùn ci impedisce micca di cuntinuà d'agisce è d'aiutà l'insignamentu: guasi 18 milioni à prò di u corsu in e scole per i 5 anni à vene. Ma ùn basta micca è incalchemu sempre u chjodu.
Ma di stu capatoghju, averemu l'occasione di turnà à parlanne un'antra volta.

Andria Fazi si n'hè andatu un ghjornu di settembre di l'89.
27 anni fà... voi altri ùn erate ancu nati.
Oghje, s'e vi ne parlu, hè solu per divvi ch'elli sò omi di sta trinca chì ci anu purtatu quì ; iss’omi ch'anu permessu di fà entre u corsu à a scola è ch'ùn anu dumandatu à nimu l'auturisazione di parlallu à l'assemblea.

Quand'e a dicu, pensu à ste donne è à st'omi ch'anu tramandatu sta lingua, di leva in purleva, solu perchè era a so lingua è u so rispiru, u sale di a vita, cù e so parolle è i so silenzii, sti sguardi è stu sudore, iè, pensu à i nostri antichi, i nostri babboni, è per certi quì, cum'è mè, i nostri babbi è e nostre mamme.

Pensu dinò à tutti quelli chì si sò battuti, à tutte l'epiche, contr'à u monolinguisimu d'un Statu chì a cundannava à morte.
V'averanu parlatu di sicuru in scola di Santu Casanova, Saveriu Paoli, Ghjacumusantu Versini, Petru Ciavatti o Natale Luciani. Scuserete d'ùn citanne di più.

Ma pensu stamane à tutti quelli d'oghje chì a parlanu è a facenu parlà, a facenu cantà, a facenu campà, sta lingua, paisani o citadini, vechji è zitelli, omi è donne, di quì o d'altrò.
Di tuttu què, u prufessore ch'e fermu vi dice simpliciamente, ma di core, ch'è vo ne site forse u più bell'esempiu. È vi dicu infine ch'è no ne simu propiu fieri è chì stu ritrovu ci face tamantu piacè.
S'era un'antru vi diceria: " ma chì diavule parlate corsu? Feristite megliu à amparà ste lingue internaziunale "

Scumettu quantunque ch'è v'ate paspatu l'inglese?
In tantu, oghje mettite a lingua corsa à l'onore per via di ciò ch'è v'ate fattu propiu bè, una nota tremenda à una prova di lingua, ch'è vo siate stati à u cullegiu, per passà brivettu di storia è giugraffia in corsu, o puru, ch'è v'appiate passatu u bascigliè, à u famosu scrittu tradiziunale di ghjugnu.

Site stati i più boni. A diceremu cusì stamane. Allora bravi.
Pianteraghju,quì cù a simbolica. Felicitazione dunque per sta scelta vostra di praticà a lingua d'un populu pastore.
A lingua hè viva puru s'è tutti i sforzi ch'è no femu, l'aghju detta prima, ùn bastanu micca. Ma lasceraghju forse à i mo cumpagni ammentà sciffre è l'altru restu.

À mè ciò chì mi porta, à noi ciò chì ci impreme, a capite bè : aldilà di u scopu d'una sucetà biplurilingua, ferma a scumessa di l'avvene.
Per parechji quì, a lingua face nazione è basta !
Ch'ella a sappiinu in Parigi o in altrò quelli chì dipoi tant'anni ci portanu da a fica à u peru.
Quì m'arreghju
À voi ghjustu duie parolle per compie, in casu ch'è vo vi scordite una volta fora:
O zitè, ùn vi scurdate mai di filetta !
Parlate è traparlate, cum'ella vene, notte è ghjornu, à tutte l'ore. State puru tranquilli, ùn vi ferà tantu male !
Andate è dite sempre a vostra, ditela inghjilocu, chì u corsu hè a Lingua di tutti, è ch'ellu hè sopr'à tuttu una lingua per tutti !

Bon prò li fia è cusì sia !