Collectivité Territoriale de Corse

Rimessa di u premiu Andria Fazi Aiacciu, u 24 di nuvembre di u 2016 - discorsu di u Presidente di l'Assemblea di Corsica, Jean-Guy Talamoni

Jeudi 24 Novembre 2016

*Seul le discours prononcé fait foi



Sgiò Presidente di u Cunsigliu Esecutivu,
Sgiò Cunsiglieru Esecutivu in carica di a lingua corsa,
Cari cunsiglieri esecutivi,
Cari culleghi,
Vogliu salutà dinù a famiglia di Andria Fazi, e so figliole sò quì oghje, Cari ghjuvanotti,
Cari amichi,

Simu assai felici di accoglie vi oghje per sta ricezzione in u vostru onore, oramai laureati di u Premiu Andria Fazi, ancu s’ellu hè cù appena di ritardu per i laureati di l’annate 2012, 2013 è 2014.
Sta ceremonia hè dinù l’occasione di rende un umaggiu à Andria Fazi, chì ghjè statu cunsiglieru di l’Assemblea di Corsica, prufissore di storia, militante di prima trinca di a lingua corsa è di a causa corsa, innamuratu di u so paese. L’anziani s’arricurderanu chì, à l’Assemblea, Andria Fazi parlava sempre corsu, inde i dibattiti è fora di l’emiciclu.

Vi vogliu di sicuru cumplimentà tutti per l’ottenimentu di stu Premiu. Pocu impreme a nota ottenuta, vogliu sopratuttu salutà a vostra dimarchja. Sceglie di passà una prova in lingua corsa davanti à un esaminatore ò à u scrittu, esse valutatu, hè un passu difficiule à francà è abbisogna assai curagiu !
L’avete francatu stu passu, cù un successu maiò. Per quessa, ci tocca à felicità vi. A femu, rimettendu vi stu premiu oghje.
Per contu meiu, vi vogliu sopratuttu ringrazià. Ringrazià vi perchè dimu à spessu chì per ch’ella campi a nostra lingua, per luttà contru à a so sparizione, ci vole chi ognunu si metti à parlà la, ogni ghjornu è sopratuttu cù i nostri zitelli. Voi site i nostri zitelli è a parlate sta lingua, a cantate, v’impegnate per ella ogni ghjornu. Speremu – ma ùn ne dubbitemu micca – chì i vostri figlioli a parleranu ancu elli.
Siate sicuri di a nostra vulintà d’accumpagnà vi nant’à sta strada. A sapete, u Statu ùn vole sente parlà di cuufficialità. L’eletti di a Corsica
anu da cuntinuà à dumandà la senza rispiru sin’à u so ottenimentu. Aspittendu, avemu da purtà a nostra petra à sta custruzzione. Avemu da circà à permette à ognunu d’amparà u corsu, avemu da valurizà e dimarchje chi vanu in u sensu di a diffusione è di a prumuzione di u corsu... A lingua corsa hè a nostra lingua naziunale, porta i valori di u populu corsu. Custituisce u primu vettore di cuezione di a nostra sucietà. Ùn hè micca l’impurtanza di u chjerchju chì conta, ghjè ciò ch’ella ripresenta a lingua d’imaginariu è d’appartinanza à una cumunità.

Vede ogni ghjornu una ghjuventù chì tene cusi caru a so lingua ci dà una forza maiò per ghjunghje à u nostru scopu. Mà l’istituzione ùn basteranu micca.
L’avvene di a lingua corsa, a sapemu bè, dipenderà di i sforzi ch’elli feranu tutti i Corsi, l’anziani è i giovani. L’eletti di a Corsica seranu
sempre à fianc’à i citadini chì vuleranu difende a so lingua.
L’avete fattu stu sforzu, passendu e vostre prove in lingua corsa. L’avete fattu perchè sapete chì a lingua corsa ghjè a più bella strada chì cunduce à l’apertura, à a spartera è à l’accolta di l’altru. Sò cunvitu chì, stu sforzu, u fate di manera cutidiana, cuntribuendu cusì, à u vostru livellu, è ind’è i fatti, à a custruzzione di a cuufficialità.
Site l’avvene, site a sperenza, è per quessa, di core, vi vogliu ringrazià. Vi feliciteghju torna una volta è auguru un avvene radiosu per a nostra lingua.