Direzzione di a lingua corsa











Cent'anni, centu mesi, Ghjuvan'Iviu Acquaviva, Colonna Edizioni, 2014

Nota literaria di a cummissione literatura di u Cunsigliu di a lingua corsa - Accademia corsa di i Vagabondi.



Cent'anni, centu mesi (J-Y Acquaviva), Colonna Edizioni, 2014
Cent'anni, centu mesi (J-Y Acquaviva), Colonna Edizioni, 2014
Cent'anni, centu mesi... di J-Y.Acquaviva (Colonna Edizioni, ghjinnaghju 2014) hè un scrittu cortu (86 pagine) è tostu, trà nuvella è racontu “filusoficu” s’ellu si vole circà una sumiglia generica. Si impalca nant’à una fizzione chì porta à riflette à a vita trà umanità è animalità è, in cunsequenza, à mette in critica l’idee pronte è leste in issu duminiu.
 
Una criatura lacata da a mamma morta in partu si alleva in muntagna, servu ligatu à un babbu pastore, mutu è solu. Manescu in issu mondu chì ùn manca di affettu rozu, ma ignurante di l’umanu altru, a cundizione di l’omu li sarà palisata à pocu à pocu, dopu mortu issu primu babbu.  

A narrazione si svolge in 16 capituli curtissimi (da 1 à 5 pagine pè u più longu) da issa prima tappa (« Nanzu di parte ») à l’ultima ("A l'aringuarsciu"), cù un filu narrativu chì volta à l’iniziu è da cuerenza à una fizzione turnata metafora: u viaghju da sè à sè di Lisandru, persunagiu è narratore. Cusì ramintate, sò 14 arrette di un viacruci paganu chì face francà ogni sperienza sensuriale, affettiva è suciale (affezzione, amore, crudeltà, mendicità, patriutisimu, vita militare è carcerale). A prima metamorfosi inghjenna l’omu (p.25: “Si chjamava Petru è fù ellu à aiutammi a campà a mio mutazione...”A seconda volta à a primura di l’animalità (p.7: “È turnai à l’animale, vultai u spinu à a mio prima umanità...” A vita stessa sbocca nantu à l’impussibilità di campà cun l’altri, in a sucetà.  A bramà di vultà si ne in una vita di stintu è di sulitudine si intupperà ancu ella à un fiascu.
Tandu, chì saranu issi paesi duv’ella volta l’acqua ammintata da u titulu? È à l’ultimu, l’onda di l’abbracciu fiuminale ùn pare tuttu a morte vuluntaria?
 
U libru hè impastatu di una visione pregna di disincantu, ma incantatu da una scrivitura mantenuta è purtata da un estru pueticu chì insegna in modu nettu a funzione alta di u literariu: “Forse ùn ne aghju piazza in a realità. Allora sunnieghju.” (p.86)