Direzzione di a lingua corsa











Ostrisorma, Guidu Benigni, Fior di Carta, maghju 2014

Nota literaria di a cummissione literatura di u Cunsigliu di a lingua corsa - Accademia corsa di i Vagabondi.



Ostrisorma di G.Benigni (Fior di Carta, maghju 2014) hè un rumanzu di 136 pagine, esciutu da una prima versione digià publicata nant’à www.interromania.com è rimanighjata. Sò ghjustu à puntu issa ripresa è e mudifiche impurtante à dà li pertinenza è suchju novu à un scrittu uriginale per via di u so estru è a so urientazione.

L’infilarata di i capituli presenta u paese: un merre furesteru, cuntrariu à i segni di cunvivialità corsa; una pupulazione di ceppu  vechja è minuritaria; gendarmi è auturità sempre pronte à fà fronte cumunu contru à i diritti di i paisani; un inseme suciale cumplettamente sottumessu à l’interessi di a speculazione, cumandatu da una manata di scrucconi chì si godenu l’appoghju ufficiale. À tal puntu chì quandu Marcu Maria, eroe incuscente ma decisu di u mantenimentu di l’usu, vene à sviluppà un prugettu agriculu, li cascanu tutti à dossu arrimbati nantu à l’istituzione di u R.A.P.T.! Un giurnalistu catalanu hè custì chì palesa l’inghjustizia à l’internaziunale, cagiunendu rabbia, penseri è prublemi sinu à a capitale. Sopra à locu nascenu pruteste di a minurità corsa è muvimenti pupulari cù una cumemurazione di l’avvenimenti d’Aleria un seculu dopu... Tuttu pare più chjaru è Marcu Maria scontra ancu l’amore! Ma, fattu fine, ùn ghjuverà à nunda: Marcu Maria si sveglia in prigiò. “Ora u sognu era diventatu sugnacciu”.

A cumpusizione impalca a scena enunziativa; un barattu di lettere (pp.13-16) di dui fratelli, unu in Santiago è l’altru vultatu in Corsica) face verisimile u racontu nantu à a sucetà paisana è e so mutazione cuntempuranee urganizatu in trè parte:
1) Ritratti (pp.17-118) pittura di persunagi, cumpurtamenti, mendi è fatti trà tradizione è mudernità di una Corsica dipinta in u 2074. 2) Sogni (pp.119-132): varie pruspettive pè un sciuglimentu di i prublemi di a Corsica.

Sveglia (pp.133-136): realità senza speranza di un presente cundannatu à a sottumissione o à l’incarcerazione.
Sta seconda versione di u scrittu posa nant’à una struttura antitetica significativa chì sparte u centru di u racontu in dui blocchi: di prima (sinu à u capitulu “...d’una pessima situazione”inclusu) l’evucazione di u paese di Ostrisorma hè fatta cù un per cusì dì abituale quand’ellu si ammenta a sucetà è l’attività tradiziunale puru s’elli ci sò porti l’elementi narrativi sviluppati dopu. Di fatti e pagine 71-118 sviluppanu una  satira sociopulitica chì ci arreca, sempre crescendu, sinu à a cunnutazione finale di disincantu.