Collectivité Territoriale de Corse

Discorsu di u Presidente Jean-Guy Talamoni

Vendredi 8 Juillet 2016

Seul le discours prononcé fait foi



Sgiò Presidente di u Consiglio regionale della Sardegna,
Sgiò Presidenti di i gruppi di e nostre assemblee
Sgiò Presidente di u Cunsigliu Ecunomicu, Suciale è Culturale di Corsica Sgiò Rettori è Presidenti di l’Università di Cagliari, Sassari è di Corsica Cari eletti di i nostri paesi,
 
À nome di l’Assemblea di Corsica, vi vogliu dì quantu no simu felici d’accoglie vi oghje in Aiacciu per a stallazione di u nostru cunsigliu cumunu. Siate i benvenuti in stu locu d’eserciziu di a demucrazia.

U Brexit, un new deal per u dirittu di i populi ?

In u mentre chè no ci avvicinemu trà eletti è populi di Corsica è di Sardegna, dipoi a nostra visita in Cagliari u 28 d’aprile scorsu, hè accadutu in Auropa un terramottu storicu cù u Brexit. Simbulu di i limiti di a custruzzione aurupea, ghjè quandu ellu si strettisce u mondu, ch’ella s’alluntaneghja l’isula a più maiò di u nostru cuntinente, l’isula chì sottu à l’impettu è a fiara di Winston Churchill resistò sola sola di pettu à u nazisimu. In Auropa, a pace hè un acquistu forte di l’Unione, mancu à pinsà la di rimette la in causa. Sò cose anziane. U Brexit ghjè u ricusu di certe pulitiche di l’Unione più chè u ricusu di l’idea di l’Auropa.

Certi, anu vulsutu fà l'Auropa di e banche è di a finanza, à prò di qualchì interessu particulare, è anu arruvinatu quella di i populi, di e vere nazione, l'Auropa sulidaria, l’Auropa suciale, ma dinù l'Auropa di a cultura è di u geniu, l’Auropa chè no bramemu. Fatta à capu in ghjò, l’urganisazione ecunomica di l’Europa pare esse stata fatta per lampà ogni ghjornu, in faccia à i nostri, e cunsequenze di a cuncurrenza di a miseria. Vogliu parlà, per esempiu, di a direttiva nantu à i travagliadori staccati o di i prugetti TAFTA-CETA chì stallerebbenu a preputenza di u mercatu nant’à i nostri sapè fà, e nostre sulidarità è e nostre manere di campà. Megliu publicità per a chjusura di e cunfine o di u spaziu Schengen ùn si pò fà. Ùn hè micca chè no vulessimu stà per nustalgia in a vita di tandu, ma ciò chì l’Auropa hà fattu di megliu, u vulemu tene, ciò ch’elli facenu certi paesi di megliu, u vulemu sparte. A difesa di st’idea di l’Auropa, ghjè quella di u scambiu, di a leia, di a cultura cum’è radica di a nostra andatura pulitica. Ci vegu l’esse u più prufondu di l’Auropa.

Chì ne serebbe statu di l’indipendenza di a Corsica à u XVIIImu seculu senza sti scambii intellettuali, s’è l’Illuminisimu talianu, s’è i Lumi francesi è inglesi ùn eranu ghjunti à arricchisce u ragiunamentu di i nostri guvernanti di tandu nant’à a strada di a libertà ? À e so idee, li avemu datu fiatu, in Corsica. Chì serebbe più bella dimustrazione di l’unione di l’aurupei, chè quella di u dì è di u fà di a libertà ? À contu meiu, u veru prugettu aurupeu, ùn pò esse altru chè quessu, sempre à rinnuvà è à ingrandà.

A vidite, esiste un veru prugettu auropeu, è, à u nostru livellu, per via di stu Cunsigliu trà e nostre isule, pudemu dì chè noi participemu à stu muvimentu generale pè custruì l'Auropa di dumane. Per avà, nimu ùn cunosce tutte e cunsequenze di stu referendum. S’è d’ogni male sorte un bè, per contu meiu, vogliu vede in u Brexit nun solu a spressione di e paure, ma l’uppurtunità rinnuvata di dì à Brusselle è à e capitale ciò chè no vulemu per i nostri paesi. Li diceremu a nostra cunfidenza in l’avvene, in a custruzzione cullettiva, in l’ascolta è in l’intelligenza di tutti.

A dimarchja chè no mettimu in ballu oghje và in u sensu di l'avvenimentu fattivu di st'Auropa di i populi, prutetrice di e nostre realità culturale, suciale, ecunomiche è umane.

Per un altra Unione

Perchè a scuperta di u mondu principia cù a cunniscenza è a ricunniscenza di l’ambiu vicinu, a prima unione da fà, ghjè trà Corsica è Sardegna. Isule surelle in l’ochji di e stelle, cù u Mediterraniu per liquidu nativu, sò surelle ancu di lingua è di cultura. Tempi fà, i nostri pastori anu impiaghjatu in Gallura, per fà ci casa, di manera naturale. I prugetti, e cunquiste è e battaglie di e Cità, di i Reami è di l’Imperi nati dopu a scaduta di Roma l’anu spiccate è alluntanate. Dipoi, e nostre rilazione si sò custruite à pocu à pocu, cù prugetti educativi, culturali o cummerciali, infurmali, sottu sottu, à l’appiattu, micca cum’è trà duie surelle ma cum’è trà dui amanti sicreti. Oghje, mentre d’altri ne sò à cunvucà l’avucati per scioglie i spartimenti, e nostre isule diventate ne sò à l’ora incuriusita di u ritornu, di u ritrovu, di a rivalutazione di l’eredu cumunu è di e sperienze sfarente. Puru in famiglia, diversità face ricchezza.

L’Auropa, a vulemu fà quì. Dipoi i nostri sei mesi di presenza à u putere, avemu digià pigliatu parechje decisione di primura. Avemu rinvivitu a cummissione di l’affari eurupei è internaziunali, spinta dipoi u 2004. Avemu iniziatu a creazione di u nostru Cunsigliu permanente corso-sardu. A nostra Assemblea hà deliberatu contru à u travagliu staccatu è i prugetti TAFTA-CETA. Avemu dinù mandatu à u guvernu pruposte nove per a piazza di a Corsica in Auropa cum’è a creazione d’una circuscrizzione per l’elezzione aurupee. Senza nisunu elettu à u Parlamentu aurupeu, cumu dumandà à i Corsi di crede in st’unione custì chì ci lascia da cantu per ogni decisione. Mancu parlu di a preputenza di a Cummissione nant’à u Parlamentu. In Corsica, si parla assai di a ripresentatività di i territori in u prucessu di decisione. Hè per quessa chì accantu à a cullettività unita chì serà stallata u primu di ghjennaghju 2018, avemu dumandatu è ottenutu a creazione d’un assemblea di i territori. Di listessa manera, l’Unione aurupea deve accoglie l’inseme di i territori è di i populi. Per noi, hè una quistione di demucrazia. Per ella, ghjè quistione di vita.

Educazione è Cultura cum’è radiche di u prugettu aurupeu

U prugettu chè no purtemu cù a Sardegna vole fà di e nostre sfarenze e nostre forze. A francisazione di a Corsica ci hà fattu perde una parte di u nostru capitale culturale ma ci hà apertu dinù à l’inseme di a francufunia. L’integrazione di a literatura corsa à u campu literariu francese, stu pass’è veni trà e duie lingue hà struppiatu quant’ellu hà liberatu l’autori di u primu riacquistu, centu anni fà, angusciati
ch’elli eranu in a scelta di a so lingua di spressione è in i temi ch’elli pudianu accustà, in a scelta d’una lingua vista cum’è patrimuniale, materna, ristretta à e piccule libertà d’un soprasè inventatu da a diglussia cù una lingua acquista è cunquista. Di sta ferita, ne femu avà una fiertà è un attrazzu per a nostra literatura cum’è per i nostri scrivani, capaci ch’elli sò à passà d’una lingua à l’altra per scrive ciò chè no simu o ciò chè no sunniemu. Ma u fundamentu di u nostru esse hè a lingua corsa, lingua ponte di a nostra latinità è di a nostra rumanità. U nostru plurilinguisimu, in teuria, ci pò permette d’integrà i nostri campi literari. Hè propiu ciò chè no vulemu fà cù a creazione d’un Gran premiu literariu di u Mediterraniu chè no chjameremu Antigona, di u nome d’unu di i miti i più putenti è famosi di l’Antichità. A creazione d’un imaginariu cumunu serà u fundamentu di a nostra capacità à cuntrastà è à campà inseme.
 
Fruttu di a cultura, l’educazione di a nostra ghjuventù ferma in core à i nostri impegni. Ghjè per quessa chè no vulemu multiplicà è strutturà e leie digià furmalizate trà e nostre università. Cuniscimu digià u piacè ch’elli anu i nostri giovani à seguità parte di i so studii à u fora cù u famosu prugramma Erasmus. U mo scopu hè di ghjunghje à a generalisazione di sti scambii per i studienti è per i prufessori di l’Università di Corsica. A strategia aurupea per l’insignamentu è a ricerca hà per scopu di sviluppà scambii internaziunali per omancu 20% di i studienti. Pruveremu à andà al di là è à sustene tutti i prugetti ch’anderanu in u sensu di u rinforzu di e cumpetenze linguistiche è culturale.

Interazzione di i nostri campi literari al di là di u solu premiu cù a custruzzione di scambii trà lettori è autori ; integrazione di a nostra ghjuventù in u spaziu di l’insignamentu superiore, eccu e prime ambizione purtate da u nostru Cunsigliu corso-sardu. Ci vecu sumenta d’avvene per e nostre isule è per l’Auropa dinù.

Ind’è l’anni cinquanta, i babbi fundatori anu sceltu per cumincià a custruzzione aurupea per u mercatu è e finanze. Si sò sbagliati. Hè per quessa chì oghje chì ghjè oghje, l’Auropa ùn hè vista da a maiò parte di l’Aurupei cum’è una patria. Hè per quessa ch’ella hè in periculu l’Auropa. Noi, ùn femu listessu sbagliu. Principiemu per u principiu : a cultura.

À ringrazià vi.