Collectivité Territoriale de Corse

Linguimondi 2016 : l'intervention de Jean-Guy Talamoni, Président de l'Assemblée de Corse

Mardi 27 Septembre 2016



Sgiò Presidente di u Cunsigliu Esecutivu di Corsica,
Sgiò Cunsigliere esecutivu in carica di a lingua corsa,
Sgiò Vice Ministru di a lingua à u Guvernu bascu,
Sgiò Direttore di l’Uffiziu Publicu di a Lingua brittona,
Signora sottudirettrice di e pulitiche linguistiche à a Generalitat di Catalogna,
Sgiò Presidente di l’Uffiziu di l’euskara,
Cari amichi,
 
Sò felice di ritruvà vi pè ste ghjurnate europee di e lingue, quì, in Cervioni.
 
Vogliu prufittà di l’uccasione pè salutà u travagliu di fondu di lessiculugia, di vulgarisazione, di museulugia, di publicazione è di ragiunamentu nant’à a nostra lingua. Tamantu travagliu silenziosu, silenziosu ma chjuccutu, cunnisciutu è ricunnisciutu da tutti, di e donne è di l’omi di a squadra di l’Adecec à prò di a nostra lingua dapoi più di 40 anni. E vostre primure sò e nostre è vi vogliu assicurà di tuttu u nostru sustegnu.
 
Vogliu salutà dinù l’operate per u sviluppu di e lingue in Brittagna, in Catalogna, o in Euskadi. Per contu nostru, i vostri mudelli chè no cunniscimu sò tante lezziò è ragiò di crede in a salvezza di u corsu da tantu chè vo site partuti da situazione certe volte ancu più pessime chè a nostra, è chè vo site ghjunti cun forza, curaggiu, lege è lealtà linguistica à risultati tremendi per e vostre lingue !
 
Quist’annu, sta manifestazione si rigira versu a pulitica linguistica, cù l’indispensevule furmazione è a strutturazione di l’arnesi istitutuziunali.

Anzituttu, mi pare di primura di vultà una stundarella nant’à a storia recente di a pulitica di a lingua à a Cullettività territuriale di Corsica. Dapoi u 2008, u gruppu Corsica Libera hà postu duie volte, davanti à l’Assemblea di Corsica, una muzione dumandendu l’ufficialità di a lingua corsa. A prima muzione era stata righjittata. A seconda volta, a muzione hè stata aduttata. Dopu à stu votu, un prugettu di statutu pè a cuufficialità di a lingua corsa hè statu elaburatu è vutatu da l’Assemblea u 17 di maghju di u 2013.
 
Cù l’anziana mandatura, un passu qualitativu, storicu, hè statu francatu per l’ufficialità di a lingua. Avemu vutatu è dettu inseme chì a lingua era quella di tutti è chì per dà la à tutti, ci vulia à dà li un statutu, simule à quellu di u bascu in Euskadi o di u catalanu in Catalogna. Eppuru oghje, stu passu ferma solu simbolicu per duie ragiò. Ad avà, cunniscimu d’induve ellu vene u blucchime. Ùn hè più quì ma in Parigi, duve un testu custituziunale stringhje i diritti di a nostra lingua.
 
Altru intoppu maiò, u pianu “Lingua 2020”, vutatu in lu 2014, ùn hè ancu messu in ballu di modu seriu. Avà ch’elle sò calate o sparite in Corsica l’uppusizione à u bislinguisimu o puru à l’ufficialisazione di a lingua, hè ora di francà u cunsensu debbule per custruisce l’arnesi di l’azzione publica per una vera pulitica linguistica per u spannamentu di u corsu.
 
Rinfurzà a furmazione
 
Cuncernendu a furmazione, a nostra maiurità dice chì a cursufunizazione di tutti i più chjuchi è di i sculari deve esse à u centru di u nostru sistema educativu. Ghjè una cundizione di primura pè nurmalizà a lingua. Ghjè dinù un mezu d’integrazione pè tutti.
 
À contu nostru, u bislinguisimu à a scola ùn hè micca solu un mettudu, ùn hè micca solu una filiera, deve esse un valore cumunu è deve esse accumpagnatu da tutte e misure nicessarie, in primu locu a furmazione di tutti i prufessori.
 
Quand’ella hè venuta in Corsica di lugliu scorsu a ministra di l’Educazione, hà annunziatu a furmazione di 700 insignanti in 5 o 6 anni. U Rettore, ellu, hà dettu dumenica ind’è l’emissione Cuntrastu chì, à tarmine, stu pianu di furmazione duvia cuncernà tutti l’insignanti di l’Academia di Corsica.

Pè contu nostru, pensemu chì a Cullettività Territuriale di Corsica, sola struttura di neguziazione cù u Statu, deve mantene l’ubbiettivi scritti in lu pianu “Lingua 2020” è, sopratuttu, assicurà a so messa in ballu.
 
Si tratta quì d’integrà a lingua è a cultura corsa à u zocculu cumunu di e cumpetenze di l’elevi, permettendu cusì à ognunu una scularità in lingua corsa.
 
Si tratta dinù di ricunnosce u corsu cume una cumpetenza di l’insignanti in Corsica. U scopu di u pianu “Lingua 2020” era di ghjunghje à :
  • 60 % di prufessori di u primariu capaci d’insignà in lingua corsa in lu 2020
  • 40 % di prufessori di u secundariu in lu 2020
  • 100 % di prufessori in lu 2030
  • Ricrutamentu di 100 % di i maestri via cuncorsi bislingui in lu 2019 è 100 % di i posti identificati cume bislinguii occupati da maestri bislinguii.
 
Per un GIP Accademia di a lingua corsa
 
Cuncernendu a quistione di a migliò forma urganizaziunale di a struttura dedicata à a lingua corsa, ùn vogliu micca anticipà i dibattiti ma, per noi, a direzzione pulitica deve firmà in manu à l’Assemblea di Corsica.
 
A pulitica linguistica pè a nurmalisazione di a lingua, aduttata da l’Assemblea di Corsica in lu 2015, valida u sustegnu di a CTC à tutte e strutture chì s’impegnanu pè a prumuzione di a lingua corsa, pè a so trasmissione, pè a so visibilità in a sucetà, pè a furmazione è l’innuvazione. A prima di ste strutture, ghjè l’Università di Corsica.
 
A creazione di un GIP permetterebbe d’addunisce a Cullettività Territuriale di Corsica, capifila di a pulitica linguistica è l’Università Pasquale Paoli, cù l’associ maiò di a lingua è l’imprese nove dinù. Sta piatta forma à prò di l’innuvazione serebbe a grana di l’industria di a lingua chì ci tocca à suminà. Al di là di u nostru benestà, a lingua ci pò ancu arrigà impieghi è sopratuttu impieghi privati. Sta struttura serebbe dedicata à l’attrazzera linguistica è à l’usservazione sociolinguistica. Puderebbe sviluppà a nurmativisazione di a lingua, creà risorse nove è assicurà a diffusione di l’infurmazione sociolinguistiche. Ste misure sò state vutate da l’Assemblea di Corsica, spessu e pudemu mette in ballu a di per noi. Ci tocca dunque à mette le in ballu.
 
Allora sì a lingua hè viva, parlemu la è mettimu prestu e mani in pasta per fà la campà.
 
À ringrazià vi.