Collectivité Territoriale de Corse

Linguimondi 2016 : l'intervention de Saveriu Luciani, Conseiller exécutif en charge de la langue corse

Mardi 27 Septembre 2016



Cervioni u 27 di settembre di u 2016

Amichi,venuti da vicini o da luntanu, vi salutu è vi ringraziu di a vostra presenza.
 
Nanzu di sente ciò ch’è vo fate è ciò ch’è vo spartite stamane cù noi, vuleria dì à i vicini è à i luntani capunanzu ch’è no simu quì in Cervioni, affianccati da l’ADECEC, hè per dì chì a mo lingua hè a para à tutte quill’altre  lingue d’Auropa.
 
Divvi dinò chì a nostra rivindicazione hè sempre stata in core di a lotta di u muvimentu naziunale corsu dipoi guasi 50 anni – inquantà l’epica muderna -  è chì s’e sò quì à parlà di ciò ch’è no simu in traccia di fà, parlendu di a lingua, elettu è militante naziunalistu, a vogliu fà prima per tutti quelli chì a parlanu, di stu Populu Corsu cumunità à tempu storica è di destinu, per quelli chì a volenu amparà è per quelli chì oghje è dumane a parleranu.
 
A lingua d’oghje, ancu s’ellu ùn serà mapiù quella di i nostri babboni, simu tanti è tanti à purtalla à l’Avvene, cù i nostri morti, cù i vivi, attori educativi, culturali, assuciativi, pulitichi. Certi ghjorni a purtemu à straziera o à l’inforse, ma ogni ghjornu a parlemu decisi è forti, quant’ella fussi a più bella bandera di l’esistenza d’una nazione sempre viva.
 
Oghje ghjornu simu cunfruntati à un Statu petra chì nega u nostru vulè cullettivu, malgradu l’avviu di tante prove auropee, un Statu chì ci hà fatti facultativi è uzziunali, peghju, anticustituziunali E so risposte, e pigliemu solu da attu antidemocraticu, fendu di a Francia un’eccezzione negativa in Europa.
 
Fattu si stà chì per via di l’articulu 2 di a Custituzione francese - «u francese lingua di a republica » - u Statu hà cunfinatu e primure d’un populu in l’articulu 75.1, da « scusa patrimuniale ». Dipoi 40 anni, i dispusitivi anu avutu per scopu di calmà u clima puliticu isulanu, à calci è à pugni, invece di risponde à a quistione fundamentale di u rollu è di u postu di a nostra lingua in Corsica è aldifora.
 
In stu filu, pratendimu chì ciò ch’è no vulimu, una demucrazia linguistica, ùn hè mancu à pena dichjarà a guerra à a lingua francese, ma cumbatte stu « monolinguisimu di statu ». Ci hè dunque oghje quì un’inadequazione trà bisogni è realità linguistica.
 
A nostra sfida :cambià e regule è bisognu tremendu di decisione pulitiche forte, una gestione pianificata di u biplurilinguisimu, cù a presenza di u corsu ch’ùn si pone più di manera sclusiva, ma in un spaziu neguziatu di funziunamentu è di coesistenza. Cusì ch’ella aprerà a lingua u purtone d’un antru Riacquistu, da inventà un raportu novu trà di noi, ma dinò riguardu à l’altri territorii è à e so lingue.
 
90% di i corsi sò à favore d’una sucetà bislingua, l’Assemblea di Corsica vota u 17 di maghju di u 2013 u prugettu di cuufficialità è di rivitulisazione di a lingua Corsa. In u so introitu, stu statutu ammenta l’esempii catalanu è bascu, spieghendu ch’è no vulimu scappà ancu noi da l’Atlante murtale di L’Unesco.

Accerta soprattuttu chì l’ufficialità di a Lingua Corsa ferma u fundame ghjuridicu da mette in anda da purtà una pulitica vulintarista è efficace, s’omu intende almanaccà, à partesi d’avà, a tappa decisiva d’una sucetà bislingua.
.
Stamane in Cervioni, cù l’amichi di u fora, catalani, Baschi, brittoni, ùn si sunnieghja più. Voi site un’antru esempiu di u rispiru auropeu è una prova chì a lingua ufficializata ferma u fundame d’un sviluppu linguisticu mudernu. 
Pianu A o Pianu B ? Intantu, prupunimu di custruisce a nostra officialità propia è basta !
 
Allora, per compie, oghje, l’averete capita, sta lotta ùn hè finita. S’ella ci porta à ricevevi quì, hè forse perchè ch’amu, a tornu à dì, bisognu di voi dinò. È s’ellu ci vole à mudificà in urgenza u raportu trà a Corsica è Parigi, hè bella chè capita ch’ellu ci tocca à inceppà bè u raportu trà a Corsica è l’Auropa.
 
Aiutateci è aiutemuci chì una strada ci hè. Una strada ci hè, per a nazione corsa, micca solu quella di a storia vechja, d’un innu o d’una bandera, ma quella di u Populu d’avà chì s’avvia ver di a mudernità è chì vole custruì, in core di u Mediterraniu, i ghjorni à vene è  una lingua viva per i so figlioli.
 
V’aghju parlata stamane d’un rispiru, quella d’una lingua chì parla, d’una lingua chì canta è d’una lingua chì spera.
 
U Corsu era a lingua di tutti ; ch’ellu sia dumane una lingua per tutti, è cusì sia !